PARALLEL_41 are/ sono
Julia Kent (Usa) cello, looping
Barbara De Dominicis (It) voice, field recordings, electronics
Davide Lonardi (It) filmmaking, images, artwork


PARALLEL_°41 _Over the past months, Julia Kent, Barbara De Dominicis and Davide Lonardi have been making a musical/visual/improvisatory record as Parallel 41 _the imaginary parallel that ties Naples and New York on the same latitude line. The tracks evolved from a series of extemporary and improvised recording sessions made outdoors and held between september 2009 and august 2010. These sessions are now an album and a little story in images. They have been recording in interesting spaces; an abandoned tunnel in the Alto Adige Valley; a farmhouse in Piemonte, a fort outside Venice, an ex wool factrory in Naples and New York-trying to incorporate the sounds and atmospheres into their improvisations_Traces of places they passed over, intensified by fragments of sounds gathered on the run
{a sort of travelogue of an otherwise cold Italy}. To keep the spontaneity of interacting with the environmental element, they have decided and tried to play without any set parameters or compositional ideas but the unique influence of the places that hosted them. They used cello, pedals, voice, images, casuality, laptop, field recordings, found sounds, contact mics-hydrophones and a few toys

PARALLEL_°41 è un piccolo viaggio che Julia Kent, Barbara De Dominicis e Davide Lonardi hanno deciso di intraprendere dopo una serie di eventi musicali vissuti insieme e che vanno sotto il nome di Intermittenze. L' idea era quella di realizzare delle sessioni di registrazione (audio/video) spontanee, sollecitate dal contesto sonoro in cui avvenivano. Le sessioni sono diventate un disco ed un piccolo racconto per immagini. Il cd/dvd è in uscita per l' etichetta francese Baskaru (inverno 2011). Com' è facile intuire Parallel_41 e' un rimando, non troppo velato, ad una sorta di filo rosso che unisce, alla stessa latitudine, Napoli e New York e ciò che si incontra nel mezzo. Un lavoro legato alla casualità, agli umori e alla musica che scaturisce al momento, ma soprattutto ai luoghi, sonicamente o visivamente intriganti, che li hanno accolti ed ospitati, dando loro la possibilità di fare delle sessioni di registrazione un pò “corsare”. Il desiderio era che anche nella sua forma chiusa e statica di "disco" questo lavoro preservasse la freschezza e la spontaneità legate alla casualità ed all'imprevisto, proprio come avviene per i live. Julia e Barbara hanno cercato di suonare in maniera del tutto libera e di improvvisare senza parametri prestabiliti o idee compositive che imponessero vincoli di sorta.
Violoncello, pedali, voce, loops, immagini, computer, microfoni a contatto, idrofoni, field recordings e found sounds. L'intento era di sperimentare una modalità performativa che permettesse di lasciare nell'indeterminatezza la forma musicale, la velocità, il colore, ma anche le possibili sincronie con l'elemento visivo. Per lo più cercando di assecondare una suggestione emotiva in cui musica e video si inseguono e originano solo sporadicamente dei sincronismi che restano per lo più casuali; infatti anche le immagini sono spesso costruite partendo da visioni impreviste, empatie cromatiche o musicali, registrando frammenti di vita condivisa o abbandonandosi ad un guizzo improvviso legato alla sensazione di un luogo.




“Parallel41 does not exist It is a broken line....never drawn all the
way but only thought, dreamt, perhaps like in a mountebank's dream
maintaining a precarious balance on a chimerical wire...-lived and forgotten-.
Actually this line does exist on the maps. It indicates an illusory path
without a point of departure, without a point of arrival.
Music arises out of the cues that landscapes suggestto us accidentally
like a spice surprisingly added to our usual ingredients.
Improvisatory performances therefore_the audio/video each time
identified with the spaceand the atmospheres of this or that latitude
in a constant dialogue with the environment and the shapes that characterize it”


"Parallel_°41 non esiste, è una linea spezzata mai del tutto disegnata,
solo pensata, sognata forse..come da un saltinbanco..solo a tratti percorsa,
camminata in precario equilibrio, vissuta e dimenticata. In realtà sulle mappe
esiste ad indicare una linea immaginaria senza punto di partenza,
senza alcun arrivo. La musica nasce dagli spunti che il paesaggio suggerisce,
casualmente, come una spezia a sorpresa aggiunta ai consueti ingredienti.
Performance improvvisative dunque.....audio/video di volta in volta immedesimate
con lo spazio e con le atmosfere di questa o quella latitudine, in dialogo
con l'ambiente e con le forme che lo caratterizzano"

Juliakent.com  

Julia Kent Canadian-born, New York City-based Julia Kent uses multitracked cello, found sounds, and electronics to create solo music that has been described as "cinematic and impressionistic", "organic yet powerful", and "deeply personal and committed." She has released two full-length solo records: Delay (2007) and Green and Grey (2011), as well as an EP, Last Day in July (2010). Her music has been heard in film soundtracks and as accompaniment to theatre and dance performances, and she has toured throughout Europe and North America, including appearances at Primavera Sound in Barcelona, the Donau Festival in Austria, and the MIMI Festival in Marseille.

 
Julia Kent è nata a Vancouver, in Canada, e vive a New York. Compone facendo uso di violoncello, loops, suoni ambientali e tessiture elettroniche. La sua impronta musicale è stata descritta come “cinematica e impressionista”, “organica e forte”, e “impegnata e spiccatamente personale". Ha prodotto e pubblicato due album: Delay (2007) e Green and Grey (2011), e un EP, Last Day in July (2010). Le sue composizioni sono diventate colonne sonore per il cinema, il teatro e la danza. Tra i festival a cui ha partecipato, esibendosi come solista nel Nord America ed in Europa, ricordiamo il Donau Festival in Austria, il Primavera Sound a Barcellona e il festival Suoni per il Popolo a Montreal.
La rivista Lucid Culture riferisce di una sua recente apparizione a New York come "affascinante e mesmerica; basculante tra ambient visionario ed evocativo e un'austerità trascinante".
Ha appena pubblicato il suo secondo album come solista Green and Grey (Tin Angel records/ Important Records) ispirato dalla riflessione sul rapporto tra processi organici e tecnologia ; tra umanità e contesto naturale - un richiamo all'intervento degli uomini sulla natura e al modo in cui le due cose interagiscono.


soonapres.com

Barbara De Dominicis besides using her voice, loves collecting sounds, manipulating them and inventing sound textures. Her projects include The Body_exposed; Poe-Si [with Marco Messina/99 Posse and Mirko Signorile]; Cabaret Noir [with Pasquale Bardaro]; Kuul_Ma [ an experimental audiovisual project in which organic electronic sounds interact with the changing landscape of visual artist Davide Lonardi. In 2008 she published as a soloist Anti-Gone, a concept album which bases its narrative on Greek mythology. In 2008 she began a collaboration with canadian cellist Julia Kent; their performance (initially under the name of Intermittenze) will soon become a stable project in progress with the name Parallel41 [a musical/visual/improvisatory project released internationally on french record label Baskaru. Her sound works include Whimsical Cartography – selected among the works which will be exhibited in the collective multimedia show E-ArtQuake in commemoration of the earthquake in Irpinia; Re_di_Sound [Radio Papesse], a tribute to Marcel Duchamp (Call for Revolutionary Sounds). Her growing interest in soundscapes leads her to conceive of A tale of two cities: a series of audio collages designed to portray the similarities and differences of two cities which lie on the same parallel, Naples and New York. This work has become a radiowork produced for RadioPapesse vs Radia network, entitled Crossings. Among her current projects Exquisite What [as both curator and creator] a collective inspired by the Surrealist practice of exquisite corpses dedicated to the creation of an audio-visual web platform; La Reverie/La Sogneria [curator/creator]_a multimedia space linked to dreaming in which, as if inside a globe indexed by locations, issues, and time periods, one can choose to "enter" [in mp3] into the story of a dream or to travel between multiple dreams (in progress). She has recently been invited by GIRRL [girrlsound :digitalgirrl [an Australian organization supporting women working in the field of sonic and digital art] to curate and produce a series of radio podcasts entitled "The Cat Cinderella" with the aim of promoting the dissemination of works by women artists on the brink between net_art, sound art and audio documentary. With the moniker Apres Soon she is working on a new solo album: a blend of drones and field recordings, electronics, voices and string instruments. Barbara is currently working at Quasi.Memory: a sound installation which uses rediscovered private memories [old photographs, letters from strangers, sounds of objects no longer in use, semi-forgotten nursery rhymes, etc.]. Some audio and visual artists she has recently collaborated with include Leonardo Rosado; Mark Walters aka Savaran; Marco Messina; Mathias Van Eecloo aka Monolyth & Cobalt; Enrico Coniglio; Elio Martusciello, Airchamber 3; Roland Quelven; Andrea Serrapiglio; Ginetta Corelli; Nicolas Bernier; Davide Lonardi; Andrea Ics Ferraris In 2012 she became a member of AIPS (ITALIAN SOUNDSCAPES ARCHIVE)


Barbara De Dominicis, oltre a fare uso della voce, ama raccogliere suoni, manipolarli ed inventare trame sonore. Tra i suoi progetti Poe-Si [con Marco Messina/99 Posse e Mirko Signorile]; Cabaret Noir [con Pasquale Bardaro]; Kuul_MA [progetto di sperimentazione audiovisiva in cui un' elettronica di tipo organico interagisce con i paesaggi mutevoli del visual artist Davide Lonardi]. Nel 2008 pubblica come solista Anti-Gone, un concept album che ha come filo conduttore narrativo la mitologia greca. A partire dal 2008 inizia una collaborazione con la violoncellista canadese Julia Kent le loro performance (inizialmente sotto il nome di Intermittenze) presto diventeranno un progetto stabile ed in progress dal nome Parallel41. L' etichetta francese Baskaru pubblica il loro cd/dvd a maggio del 2012 Tra i suoi lavori sonori Whimsical Cartography _selezionato tra le opere che saranno esposte nella mostra multimediale collettiva E-ArtQuake in commemorazione del terremoto dell' Irpinia; Re_di_Sound [Radio Papesse] un omaggio a Marcel Duchamp (Call for Revolutionary Sounds). Il suo crescente interesse per il paesaggio sonoro la porta a concepire A tale of two cities: una serie di audio collage volti a ritrarre analogie e differenze di due città che giacciono sullo stesso parallelo Napoli e New York. Questo lavoro è diventato un radiodocumentario prodotto da Radio Papesse vs Radia network dal titolo Crossings. Tra i suoi progetti in corso Exquisite What [di cui è curatrice/ideatrice] un collettivo ispirato alla pratica surrealista degli exquisite cadaver dedito alla creazione di una piattaforma web audio/visiva; La Reverie/La Sogneria (curatrice/ideatrice) _uno spazio multimediale legato al sogno in cui, come all' interno di un mappamondo inidicizzato per luoghi, tematiche es epoche si potrà scegliere di "entrare" [in mp3] nel racconto di un sogno o di viaggiare tra più sogni (in progress). Di recente è stata invitata da GIRRL [girrlsound :digitalgirrl [un'organizzazione australiana a sostegno delle donne che lavorano in ambito di sonic e digital art] a curare e produrre una serie di podcasts radiofonici"The Cat Cinderella" con l’ intento di promuovere la diffusione di lavori di artiste a cavallo tra net.art, sound art e audio documentario. Con il moniker Apres Soon, è a lavoro su un nuovo album solista: un assemblaggio di drones e field recordings, di elettronica, voci e strumenti a corde. Attualmente sta lavorando a Quasi.Memory. Un'installazione sonora che fa uso di memorie private ri-trovate [vecchie fotografie, lettere di sconosciuti, suoni di oggetti ormai in disuso, filastrocche semi-dimenticate ecc.] Tra le sue collaborazioni più recenti con artisti sonori e visivi spiccano Leonardo Rosado; Mark Walters aka Savaran; Marco Messina; Mathias Van Eecloo aka Monolyth & Cobalt; Elio Martusciello, Airchamber 3; Enrico Coniglio, Andrea Ics Ferraris; Roland Quelven; Andrea Serrapiglio; Nicolas Bernier; Ginetta Corelli; Davide Lonardi Dal 2012 è membro dell’ AIPS (archivio italiano dei paesaggi sonori)


auhasard.org

Davide Lonardi artist, videographer, has been working at the visual design and motiongraphics for the live shows of Parallel41 since Barbara and Julia first met. Faraway Close, represent the sum of his collaboration with the duo Barbara De Dominicis and Julia Kent.


Davide Lonardi artista, filmmaker, cura il visual design del progetto e i video dei live da quando Barbara e Julia hanno cominciato a suonare insieme. Il documentario Faraway Close, nato durante le registrazioni del disco, e' il risultato piu' significativo della collaborazione con Barbara De Dominicis e Julia Kent.